I geologi lanciano l’allarme di un possibile grande tsunami che potrebbe devastare la California

 

I geologi lanciano l’allarme di un possibile grande tsunami che potrebbe devastare la California

download as a pdf file Scarica questo articolo in PDF

Uno tsunami generato da un terremoto di grandi dimensioni in Alaska, potrebbe causare gravi danni per l’economia e costringendo l’evacuazione di 750.000 persone in California,  cosi è stato dichiarato in un rapporto pubblicato negli Stati Uniti. Un terzo di tutte le navi marine mercantili e militari in California potrebbe essere danneggiato o affondare, il che significherebbe perdite di circa 700 milioni di dollari, mentre i principali porti avrebbero difficoltà a far uscire in mare le grandi navi da carico in tempo per evitare l’impatto dello tsunami. Esperti della United States Geological Survey (USGS) hanno basato la loro valutazione dei danni per un possibile terremoto di magnitudo 9,1 ritcher  sulla costa del Pacifico in Alaska, che hanno detto che è ” ipotetico, ma plausibile. “ ”In questo scenario dovrebbero essere evacuate 750.000 persone, di cui 90.000 tra turisti e visitatori”, dice il rapporto, pubblicato congiuntamente dal Servizio Geologico USGS nazionale e quello della  California. 

Il numero di turisti, che corrono un rischio maggiore, perché essi sarebbero meno in grado di sapere cosa fare – salirebbe a milioni nel caso in cui lo tsunami ha avuto luogo nei mesi estivi, quando i visitatori affollano le spiagge della California. ”La buona notizia è che tre quarti della costa della California sono tutte scogliere e quindi immune a urti violenti e devastanti di uno tsunami“, ha dichiarato Lucy Jones, che ha condotto lo studio.

In caso di pericolo la cattiva notizia è….

Vi è uno studio sull’impatto dello tsunami sulle centrali nucleari in California, soprattutto quelle vicino alla costa, in quanto sarebbero a rischio.  “La cattiva notizia è che un quarto di ciò che è in pericolo è la zona economicamente più preziosa della California”, ha aggiunto. La relazione evidenzia l’impatto potenziale sui porti di Los Angeles e Long Beach, due dei principali centri commerciali della West Coast degli Stati Uniti. ”Le navi più grandi sono in porto e possono anche essere vulnerabili”, ha detto Lucy Jones: “Dato il poco tempo tra l’allarme tsunami … e l’arrivo della prima onda” -3,5 ore a Los Angeles e Long Beach, può essere “difficile o impossibile” di avvertire le navi  e mandarle in alto mare, dove ci sarebbero meno rischi . ”Altri porti della Baia di San Francisco e San Diego Bay sono anche soggetti a danni in questo scenario “, ha aggiunto. La California teme già da tempo un “Big One”, come lo chiamano gli scienziati, un terremoto di magnitudo 8 , 5, che potrebbe verificarsi in una delle aree sensibili sismologicamente ed è quella che si trova nella faglia di San Andreas, ad est di Los Angeles. 

C’è una faglia di suduzione nel Pacifico quasi parallela alla costa e con una superficie di migliaia di chilometri, la zona di Cascadia, che ha riadattamenti periodici e l’ultimo movimento si è verificato nel 1700. Un riarrangiamento di questa falla potrebbe causare uno tsunami che un’ora più tardi potrebbe inondare la costa con onde fino a otto metri di altezza.  Gli scienziati della Geological Survey stanno avvertendo di questo possibile evento catastrofico che non viene preso sul serio dalle autorità militari e civili.

Redazione Segnidalcielo

 

http://www.segnidalcielo.it/2013/09/09/i-geologi-lanciano-lallarme-di-un-possibile-grande-tsunami-che-potrebbe-devastare-la-california/

di dolbyjack

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...